22 Agosto 2019
[]

Il Progetto
percorso: Home

Il Progetto

Inserisci in questa sezione la storia della tua Società
Inserisci in questa sezione la storia della tua Società. Puoi allegare anche foto al testo che scrivi.
Il Progetto
1. SOGGETTO PROPONENTE L´INTERVENTO/PROGETTO
Comune di Castelfranco di Sotto (Comune Capofila) per conto della rete tematica per il teatro amatoriale (n. 13 Comuni)


NATURA GIURIDICA Ente Pubblico

LEGALE RAPPRESENTANTE Sindaco Umberto Marvogli

Telefono 0571/4872 e-mail c.canovai@comune.castelfranco.pi.it


1.1 OBIETTIVI GENERALI DELL´ATTIVITA´ DEL SOGGETTO PROPONENTE
Ente territoriale a cui spettano tutte le funzioni amministrative riguardanti la popolazione e il territorio nella fattispecie relativamente elle attività culturali di cui alla L.R. 45/2000.


1.2 DENOMINAZIONE DELL´INTERVENTO/ PROGETTO
Intesateatro Amatoriale anno 2007

ATTIVITA´ /SERVIZI
L´iniziativa prevede un´articolazione così suddivisa:
a) Circuitazione e anteprima
b) Promozione di festival/rassegne
c) Aggiornamento sito web Intesa
d) Convegno Regionale sul Teatro Amatoriale
e) aggiornamento

a) CIRCUITAZIONE E ANTEPRIMA.
- a1) Circuitazione degli spettacoli prodotti dalle Compagnie dell´Intesateatro o di "ospiti" dello stesso genere teatrale con i quali le realtà locali intrattengono rapporti di scambio.
- a2) Occasioni di studio, incontri, stages volti alla formazione della cultura teatrale e alla sensibilizzazione e crescita del pubblico.
- a3) Produzione di nuovi spettacoli
- a4) Anteprima: Il Comune di Santa Maria a Monte, all´interno di una manifestazione di promozione turistica, in spazi situati nel centro storico appositamente individuati, ospiterà "l´Anteprima", un servizio che l´Intesateatro intende offrire ai Comuni della circuitazione e ad un´utenza ulteriormente allargata. Le compagnie, attraverso svariate forme di comunicazione, presenteranno frammenti dei loro prodotti, permettendo in primo luogo ai Comuni di visionare, con più consapevolezza ed efficacia, gli spettacoli programmati nella circuitazione. In secondo luogo lo spettatore avrà l´occasione di conoscere e confrontare le varie tecniche teatrali utilizzate per la realizzazione degli spettacoli. Inoltre le compagnie potranno usufruire di un´occasione importante per ampliare le loro "piazze", in una sorta di mostra-mercato che promuoverà il teatro amatoriale e le loro offerte, sicuramente anche a livello regionale.


b) PROMOZIONE DI FESTIVAL - RASSEGNE
- b1) Estate di San Martino - XII edizione - premio Città di San Miniato al teatro amatoriale. Curata e promossa dal Gruppo Teatrale Four Red Roses di Castelfranco di Sotto, nasce nel novembre del 1995 dall´esigenza emersa in seno al teatro non professionistico di inventare luoghi di incontro e di confronto, spazi alla ricerca di una crescente qualità nella realizzazione degli spettacoli.
Sostenuto dall´Amministrazione Comunale di San Miniato e dalla Provincia di Pisa - che ha partecipato al progetto - ha visto la collaborazione di numerosi enti e associazioni tra cui il Comune di Castelfranco di Sotto, il Festival Nazionale di teatro amatoriale di Pescia (Comune di Pescia-Collodi), l´Amateatro di Lucca, il Teatro Verdi di Pisa e le federazioni di teatro amatoriale nazionale (FITA, TAI, UILT) oltre ad un centinaio di compagnie delle province toscane.
Le Compagnie partecipanti alla rassegna sono segnalate da giurie di altre manifestazioni teatrali, tenutesi durante l´anno in diverse province toscane e gli spettacoli si alternano davanti ad una giuria attenta che, con spirito critico, osserva, valuta, annota non solo per l´attribuzione di riconoscimenti, ma per un ulteriore momento finale di confronto e dibattito che si svolgerà tra addetti ai lavori.
La manifestazione si è imposta all´attenzione del pubblico sempre più esigente e partecipe nel corso degli anni con produzioni che, lontane da circuiti consueti, dopo aver ottenuto riconoscimenti a San Martino, hanno conseguito premi a livelli nazionali. La rassegna ha ampliato il numero dei partecipanti ed ha inserito nelle ultime edizioni spettacoli provenienti da fuori regione, consolidandosi e qualificandosi come uno dei punti di riferimento più prestigiosi nel panorama dei più importanti festival-concorsi di teatro toscano e nazionale.
DRAMMATURGIA: nuove idee, nuove proposte, per un teatro classico, ma attuale, spregiudicato, sensibile alle nuove problematiche e soprattutto pronto a dare ancora una volta emozioni. "In punta di penna" è il concorso di scrittura, che "L´Estate di San Martino" lancia per la seconda edizione alla ricerca di "nuovi stimoli", "nuovi copioni", "nuovi autori".
Una giuria di teatranti valuterà i lavori, considerando non solo l´aspetto letterario/linguistico, ma soprattutto la "realizzabilità". L´autore sarà coinvolto nella messa in scena , ritenendo fondamentale il connubio operativo tra teatro e letteratura, tra regia e autore.
Il testo vincitore sarà messo in scena da una delle compagnie di teatro amatoriale che ruotano intorno al panorama dell´ "Intesateatro".

- b2) Vetrina Teatro- XIII Edizione Castelfranco di Sotto: Nasce nel luglio del 1995, promossa dall´assessorato alla Cultura del Comune di Castelfranco di Sotto e dal Gruppo Teatrale Four Red Roses, come mostra-concorso per gruppi di teatro amatoriale, con l´intento di offrire uno spazio alle giovani compagnie emergenti, in cui mostrare e confrontare il proprio prodotto. In stretto contatto con la manifestazione dell´Estate di San Martino, la Vetrina Teatro è rivolta alla ricerca e all´individuazione di uno spettacolo di qualità tra i sei in concorso che, selezionato da apposita Giuria, parteciperà nel mese di novembre alla edizione del Premio "Città di San Miniato al Teatro Amatoriale". La manifestazione ha favorito negli anni l´incontro e la crescita delle compagnie amatoriali "minori" che, uscendo dall´anonimato, si sono rese disponibili al confronto, sottoponendosi al giudizio di esperti. La ricerca di una valutazione all´interno della Vetrina ha risposto ad un bisogno non di mera competizione, ma sicuramente all´esigenza e alla voglia di crescere e di raggiungere risultati qualitativamente più professionali, necessità ormai avvertita da tutte le compagnie di teatro amatoriale.
-
- b3) Teatro popolare "Mauro Monni"- X Edizione - Villa Saletta di Palaia: Promossa e organizzata dall´Associazione Nuova Primavera Forcoli, dal Gruppo Teatrale La Tartaruga di Forcoli e dal Gruppo Teatrale Four Red Roses di Castelfranco di Sotto intende proseguire nel progetto intrapreso fin dalla prima edizione, proponendosi di:
¢ tenere vivo un tipo di teatro che affonda le radici nella tradizione contadina e popolare della zona. Per questo ogni anno vengono presentati testi proposti da gruppi locali, anche giovani, tesi a preservare o a riscoprire linguaggi (spesso veri e propri dialetti, tramandati nel tempo solo con la tradizione orale), o che raccontano storie vissute ("La bella Elvira" e "Piavola").
¢ Valorizzare un territorio che sta conoscendo in questi anni un consistente sviluppo turistico (integrazione con la promozione turistico-culturale del territorio e valorizzazione delle peculiarità locali).
Si fa presente che, dal monitoraggio effettuato in occasione delle precedenti edizioni, il pubblico risulta costituito in buona parte da giovani e anche da persone che, solitamente, non frequentano il teatro.
Nella X edizione sarà rappresentato per il terzo anno il Premio Mauro Monni al teatro popolare, per offrire un riconoscimento particolare alla compagnia che si sarà contraddistinta nel genere teatrale in questione.

- b4) Teatro comico - VI edizione - Santa Croce Sull´Arno.
Nato nel luglio 2002 e promosso dall´Assessorato alla Cultura del Comune di S. Croce S/Arno, su proposta della Commissione Cultura, valorizza una ritrovata e specifica forma di teatro "Il Comico", che per la sua immediatezza di comunicazione trova consensi diffusi tra un´utenza varia e differenziata.
Due giornate alla fine di luglio promuoveranno il rinnovato interesse manifestato dal pubblico santacrocese nei confronti di una "comicità" teatrale che si pone in alternativa a quella televisiva, più consumata e scontata.

c) Sito web Intesa
Nel progetto anno 2006 era prevista la realizzazione di un sito internet dedicato specificatamente al progetto Intesateatro Amatoriale che ha avuto la sua presentazione nell´ambito del convegno regionale sul teatro amatoriale che si è tenuto a Castelfranco di Sotto il 5 maggio 2007 (www.intesateatroamatoriale.com). Il sito è accessibile attraverso i portali informatici di tutti i Comuni aderenti ed è presente una sezione dedicata ai Comuni stessi, alle compagnie di teatro (un valido strumento anche per la conoscenza del lavoro delle compagnie), alla storia dell´Intesa (come è nato il progetto, chi lo ha promosso, i primi passi etc..corredato di immagini). Oltre a queste sezioni, quella centrale è dedicata alla presentazione degli eventi in cartellone.
Un´ulteriore sezione sarà quella in cui il navigatore potrà accedere ai testi - più o meno celebri - che in questi anni le compagnie dell´Intesa hanno messo in scena.
Per l´anno 2007 si prevede di arricchire ulteriormente il contenuto del sito con informazioni da aggiornare periodicamente.

d) Convegno Regionale sul Teatro Amatoriale
Il convegno, che si è tenuto a Castelfranco di Sotto il 5 maggio 2007, ha rappresentato un momento fondamentale per capire la crescita che ha avuto il settore negli anni, attraverso un´attenta analisi effettuata dai relatori (docenti universitari, critici teatrali, rappresentanti sindacali di settore e rappresentanti del mondo politico regionale, provinciale e locale).
Il Convegno ha aperto alcune interessanti prospettive per il futuro di questo settore :
- Il riconoscimento, a livello regionale, dello spazio dell´Orto di S. Matteo quale punto di riferimento per tutto il Teatro Amatoriale.
- Allargare la rete di Compagnie e Comuni che partecipano all´Intesa Teatro Amatoriale anche oltre i confini della Provincia (molte Compagnie hanno manifestato apertamente questo desiderio)
- Rendere il sito internet il mezzo di comunicazione privilegiato per tutti quanti operano nel settore e per la "pubblicizzazione" delle varie iniziative "vecchie e nuove" che si vanno promovendo
Al di là di questo resta da considerare fra i bilanci del Convegno la partecipazione "entusiasta" delle numerose Compagnie provenienti un po´ da tutta la regione, il clima vivace che ha portato molti partecipanti a scambiarsi indirizzi, materiali pubblicitari e opinioni informali e il desiderio da più parti manifestato di incontrarsi (anche informalmente) per saperne di più degli "altri".

e) Formazione
Nel progetto 2007 particolare attenzione sarà rivolta alla formazione degli operatori del teatro amatoriale, intendendo con questo promuovere un processo di crescita qualitativa del settore.
Consapevoli delle difficoltà, per i non professionisti, di partecipare ad iniziative formative "esterne" e di conciliare le esigenze e gli impegni (anche lavorativi) dei singoli con gli orari normalmente proposti dalle agenzie formative, si ritiene opportuno prevedere una formazione "interna", in tempi e modalità opportune e rispondenti alle disponibilità degli utenti, da svolgere in forma laboratoriale, di "circolo di studio" o di stage, con l´intervento anche di esperti esterni, soprattutto con incontri tematici e/o monografici.
La formazione prevista sarà rivolta agli operatori (od aspiranti) di tutta la filiera teatrale, dagli attori (con attenzione all´approfondimento delle tecniche teatrali, della recitazione, della dizione, della gestualità) agli addetti agli apparati tecnici (audio - luci) fino all´organizzazione, promozione e gestione di eventi teatrali.
Il sito informatico recentemente attivato favorirà inoltre la formazione "di base" dei frequentanti, che potranno fruire, on line, di dispense e materiali di approfondimento.


FINALITA´ E OBIETTIVI
- Favorire l´attività di compagnie, associazioni, che si dedicano al "Fare teatro" in forma non professionistica e svincolata da condizionamenti economici ed esigenze di mercato, offrendo l´opportunità alle stesse di confrontarsi con il pubblico proponendo le proprie produzioni teatrali;

- Garantire l´esistenza di momenti di aggregazione intorno ad iniziative di indubbia valenza culturale (rassegne), in particolare in Comuni che si trovano per la loro collocazione territoriale e per la nota carenza di strutture adeguate, ai margini dei grandi circuiti del teatro e dello spettacolo;

- Valorizzare il teatro amatoriale, scelta non escludente o oppositoria nei confronti di circuiti di teatro già esistenti ed operanti, ma piuttosto momento di integrazione e arricchimento dell´insieme delle proposte culturali già esistenti.


1.3 ALTRI SOGGETTI CHE COLLABORANO ALL´INTERVENTO/PROGETTO
(Specificare quali Enti/Istituzioni, modalità collaborative e risorse)


Comuni (n. 12 + 1):
Comune Impegno finanziario Impegno strutture
CASTELFRANCO DI SOTTO 2.500,00 Rassegna estiva "vetrina teatro" = Locali all´aperto per 6-7 serate
Circuitazione = Laboratori culturali o altro locale idoneo per almeno 3 spettacoli
BUTI 600,00 Disponibilità locali Sala Polivalente di Cascine di Buti per n. 2 spettacoli
CALCINAIA 600,00 Disponibilità spazio per n. 2 spettacoli all´aperto
CAPANNOLI 600,00 Disponibilità teatro senza spese n. 3 spettacoli (di cui 1 all´aperto)
CASCINA 800,00 Disponibilità n. 2 spettacoli locali sala della cultura
MONTOPOLI V/A 1.500,00 n.4 spettacoli (fitto locali a carico dell´organizzazione)
PALAIA (1.300,00)
1.200,00 Rassegna di "Villasaletta" teatro popolare Mauro Monni (liglio)
PONSACCO 600,00 N. 2 spettacoli periodo estivo (frazioni)
PONTEDERA 600,00 n.2 spettacoli da realizzare preferibilmente nelle frazioni (Borra/Montecastello) o nel quartiere villaggio Piaggio
S.CROCE S/A 1.100,00 Teatro Verdi per n. 3 spettacoli con a carico dell´organizzazione il costo della prevenz. Incendi
n.2 spettacoli all´aperto rassegna teatro comico
S.MARIA A MONTE 1.100,00 Teatro per spettacoli (n. 3 ) e locali per Anteprima - mese di ottobre
S.MINIATO 3.500,00 EX Chiesa S.Martino per rassegna "l´Estate di S. Martino" e per n. 2-3 spettacoli della circuitazione
"Circoscrizione n. 3 Pisa" (anche se non aderente alla Rete) Disponib. Locali per n. 1-2 spettacoli sala di Riglione
Totali 14.800,00

Compagnie/Associazioni di Teatro Amatoriale (n. 31)
- Gruppo Teatrale Four Red Roses - Castelfranco di Sotto
- Accademia dè i Nuovi Inaspettati - Castelfranco di Sotto
- Gruppo Teatrale Francesco di Bartolo - Buti
- Ass. Lab. Teatro e Cultura I Lusiadi - Calcinaia
- Gruppo Storico Popolare Il Bruscello - Montopoli V/Arno
- Gruppo Teatrale Gino Lini - Montopoli V/Arno
- Gruppo Teatrale La Tartaruga - Forcoli
- Gruppo Teatrale La Tartaruga - Pisa
- Teatribù - Ponsacco
- Il Miglio - Buti
- Teatro popolare - Treggiaia
- Teatro di Campana - Ponsacco
- TeatroInBiliko - Cascina
- Sdrammatika 2 - Castelfranco di Sotto
- L´Albero - Putignano
- Compagnia Teatrale Avventuracolorata - Volterra
- Compagnia di San Crispino- S. Miniato
- Le nuvole - Palaia
- Gruppo Teatrale "Il sogno dei semplici" - S. Croce S/Arno
- Accademia del Giovedì - Forcoli
- Corte Tripoli Cinematografica - Pisa
- Il Gallo di Notte - Montefoscoli
- Uragano Zafferano - S. Croce S/Arno
- Voga Manneo - Calcinaia
- La Castellana - Montecastello
- Teatro Studio - Cascina
- Viviteatro - S. Maria a Monte
- Ragazzi Terribili - Buti
- Il Campanone - S. Pietro Belvedere
- Ippogrifo - Castelfranco di Sotto
- ARTeatro - Cascina


1.4 OBIETTIVI, SCELTE, INDIRIZZI DELLA LEGGE REGIONALE n.45/00 E DEI PIANI REGIONALI E PROVINCIALI AI QUALI IL PROGETTO E´ RIFERITO.
Il presente progetto opera in coerenza con la L.R. 45/2000 e gli obiettivi generali e specifici delle attività e programmi di Teatro non convenzionale contenuti nel Piano di indirizzo Provinciale dello Spettacolo 2005-2007 (approvato con delibera di C.P. n. 51/06)


1.5 DATA DI INIZIO PREVISTA PER IL PROGETTO 01/07/2007


1.6 TEMPI DI REALIZZAZIONE PREVISTI

DA 01/07/2007 A 30/06/2008


1.7 LUOGO E SEDE DI SVOLGIMENTO
Teatri - piazze - biblioteche - laboratori - scuole - chiese dei Comuni aderenti al progetto.


1.8 RELAZIONE SUGLI OBIETTIVI E SUI CONTENUTI SPECIFICI
DELL´INTERVENTO/ PROGETTO *
L´Intesateatro Amatoriale, nata per raccogliere e organizzare, su un territorio definito dalla partecipazione e dagli intenti delle Amministrazioni Comunali che hanno aderito all´iniziativa, le compagnie di teatro amatoriale che da anni operano attivamente in zona, (ma che di contro, spesso, si trovano ad agire in situazioni di scarsa partecipazione ad eventi e iniziative di significativa rilevanza culturale), ha garantito la promozione ed il sostegno del settore ottenendo, quale "valore aggiunto" conseguente, la possibilità di un´ampia distribuzione di spettacoli anche nelle aree più remote delle frazioni, permettendo l´organizzazione di "cartelloni", rassegne e manifestazioni, a costi irrisori.
Il progetto di Teatro Amatoriale dall´anno 1986 ad oggi ha attuato occasioni di conoscenza reciproca tra le Compagnie, e tra le stesse e l´utenza, in merito alle attività svolte, ai generi teatrali rappresentati e ha consentito la circuitazione degli spettacoli prodotti nei Comuni aderenti.
Relativamente alla circuitazione degli spettacoli prodotti, è stata attivata una forma attenta di "selezione/distribuzione" per garantire programmazioni di maggior qualità e meglio rispondenti alle esigenze palesate dalle Amministrazioni comunali coinvolte (per le quali è previsto un impegno/collaborazione nell´individuazione degli spettacoli da ospitare, delle "occasioni" in cui inserirli - già esistenti o appositamente creati, nei territori nei quali proporli) e commisurati alle richieste del pubblico a cui sono destinati.
A tal fine preziosa si è dimostrata la realizzazione di un´apposita manifestazione denominata "Anteprima" che ha permesso un abbinamento più attento e mirato tra spettacoli e spazi, occasioni disponibili.
Potranno altresì essere ospitati gruppi e spettacoli "esterni" caratterizzati da particolari peculiarità delle messe in scena e delle proposte culturali che portano
Si può con ragione affermare che l´attività portata avanti in questi anni, ampliando la fruizione dello spettacolo, ha altresì contribuito a favorire la formazione del pubblico e a valorizzare luoghi alternativi alla "struttura teatro" (piazze, monumenti, parchi, centri culturali).
Per l´anno 2007 l´obiettivo che il progetto si pone, oltre al mantenimento delle varie attività spettacolari (rassegne, circuitazione, anteprima) sarà quello di incrementare il numero dei Comuni aderenti alla Rete, con il tentativo di estenderla anche al di fuori dei confini della Provincia di Pisa.

" ALLEGATI: documenti, relazioni tecniche, elaborati tecnici e finanziari relativi al progetto, etc:



1.9 ELEMENTI DESCRITTIVI E DI VALUTAZIONE DI IMPATTO TERRITORIALE DEL PROGETTO (Specificare soggetti pubblici e privati coinvolti, il territorio interessato, in rapporto con la storia della comunità, la sua capacità di incidere sul diritto allo studio e le culture di quella comunità, ecc.)

Il progetto in questione si radica su un´attività di oltre 10 anni ( dal 1996 al 2007), che ha coinvolto complessivamente 13 comuni e 31 compagnie, in un accordo/rete che ha portato alla produzione di 115 opere con 326 repliche.


1.10 VALUTAZIONE DELL´EFFICIENZA ED EFFICACIA DELLA SPESA CON LA PREVISIONE DEL NUMERO DEI FRUITORI E DEL RAPPORTO FRUITORI POPOLAZIONE INTERESSATA.

Realizzazione siti web www.sitoper.it